Via Corinaldese 104 - 60019 Senigallia loc. Marazzana

Arte, Cultura e Borghi Antichi

Dintorni

Corinaldo (14 km), detto anche Paese dei Matti, è un piccolo borgo antico circondato da una intatta e poderosa cinta muraria di quasi 1 km che sostiene il centro storico medievale. Città di Arte e Fede, girovagando per i suoi vicoli vi ritroverete in mezzo alle sue più belle piazze su cui si affacciano i principali edifici, passerete davanti ai palazzi storici e allo storico teatro e scenderete i gradini della meravigliosa Piaggia con il pozzo. Città Natale di Santa Maria Goretti.

Jesi (25 km), una “Città esemplare”, così definita dall’Unesco, ha avuto la capacità di preservare il suo patrimonio secolare architettonico, artistico e culturale altamente suggestivo. Il centro storico di Jesi è racchiuso dentro una robusta cinta muraria, tra le meglio conservate dell’intera regione. Misura 1,5 km e abbraccia un complesso architettonico che integra armoniosamente tra loro edifici di epoche diverse. Tutto il centro storico è formato da chiese, palazzi e piazze, con vicoli e stradine lastricate. Passeggiare tra i suoi vicoli è come viaggiare indietro nel tempo.

Una città che da secoli è stata terreno fertile per artisti di ogni genere e di diversa provenienza.

 

Loreto (50 km), è una città-fortezza sviluppata attorno alla Basilica che ospita la Casa di Maria di Nazareth, qui trasportata secondo la tradizione dagli angeli alla fine del 1200. Luogo particolare per la spiritualità e la ricchezza di opere d’arte e, dalla sua collina, si scorge un panorama stupendo sulla Riviera del Conero e paesi circostanti facendo il giro delle Ronde sulla sommità della Basilica.

Recanati (60 km), città natale di Leopardi, a 8 km da Loreto, sorge sulla cima di un colle e da qui domina un vasto panorama dai Monti Sibillini al mare con la Riviera del Conero, una tipica “città balcone”, città e borgate sono sparse in gran numero nell’ampia distesa, tra piani, valli e colline.

Fabriano (55 km), è stato nel corso del tempo, un luogo che ha visto fiorire, accanto alle attività agricole, le prime botteghe artigianali, come ad esempio le “fabbrerie”, i cui manufatti venivano esportati fuori città; la lavorazione della lana, della pelle, dei calzolai e della carta.

Testimonianze archeologiche dimostrano che quest’area è stata una delle prime ad essere abitata sin dalla preistoria. Da non perdere il famosissimo Museo della Carta.

Urbino (65 km), in provincia di Pesaro-Urbino, è una città d’immensa ricchezza storica e artistica, immersa nelle morbide colline marchigiane, tra la valle del Metauro e la valle del Foglia

Circondata da una lunga cinta muraria in cotto e adornata da edifici in pietra arenaria, grazie al lavoro di importanti artisti, Urbino da semplice borgo divenne “culla del Rinascimento” e, ancora oggi, passeggiando per il suo centro storico se ne respira l’aria quattrocentesca. Una caratteristica questa che gli ha fatto guadagnare l’onore di entrare nella World Heritage List nel 1998. Per l’UNESCO, infatti, la città ha il merito indiscusso di essere stata un punto d’attrazione per i  più illustri studiosi e artisti del Rinascimento, italiani e stranieri, che l’hanno trasformata in un eccezionale complesso urbano.